La sottrazione della gioia

by Cambogia

/
  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    10 tracce. Contiene i singoli "Il mare non è niente di speciale" e "Adolescenza tropicale". Confezionato in jewel case trasparente con libretto 8 pagine contenente tutti i testi.
    Progettazione grafica by MRCUBE.

    Includes unlimited streaming of La sottrazione della gioia via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 7 days
    edition of 500 

      €10 EUR or more 

     

  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

      €6 EUR  or more

     

1.
2.
3.
4.
5.
03:10
6.
03:44
7.
03:19
8.
9.
10.
02:44

about

La sottrazione della gioia non è un album allegro e non è un album triste, è entrambe le cose. È forse un disco bipolare, è un percorso musicale che perde un grado di felicità di brano in brano, ed è per questo che può essere ascoltato a seconda del vostro umore. Seguendo l’ordine numerico può condurvi alla tristezza, o all’inverso alla gioia, ovviamente potete ascoltarlo anche in ordine casuale e costruire la vostra personale sequenza della gioia, ma poi non mandatemi il conto dello psicologo.

credits

released February 2, 2017

tags

license

all rights reserved

about

Cambogia Catania, Italy

Cambogia è stato un finto cantante indie creato dal collettivo Ground's Oranges. La sua musica è stata scritta, suonata e realizzata da Riccardo Nicolosi e Davide Iannitti, che gli ha dato anche la voce. Andrea Fulgidezza gli ha prestato il volto.

contact / help

Contact Cambogia

Streaming and
Download help

Redeem code

Track Name: Il mare non è niente di speciale
La tangenziale brucia e intanto io
saluto Bud Spencer alla TV
l’estate che si abbatte sopra di noi
senza le canzoni del festivalbar
e le rime di Mogol
ma il cielo dice che…

il mare non è… niente di speciale
la notte non è… niente di speciale
Battisti non è… niente di speciale
una canzone non è… niente di speciale
qui senza di te

che te ne vai
ma dove vai?
con la sabbia sempre in tasca
ma dove vai?
fai
che cosa fai?
con le cuffie sempre in testa
non cambi mai

e non respiri piano fai troppo rumore
come i nostri sogni nel ventilatore
mentre dorme la città

ed avrei voglia di scappare in Cina
e non bere più tutta la candeggina
per restare accanto a te
e Maometto dice che…

il mare non è… niente di speciale
Berlino non è… niente di speciale
Pasolini non è… niente di speciale
il tuo amore non è… niente di speciale
qui senza di me
Track Name: Le tue foto sfocate
Scatta una fotografia
c’è un ragazzo che vola
tra la luna e la stazione
per sfuggire all’università

tanto l’ho capito già
che ti piace la pizza
non ti devi preoccupare
fino a quando hai i soldi di papà

e se questa serata
fosse sprecata
forse ti parlerei di me
della mia vita
molto normale
mentre tu parli di New York

se questa sera
fosse speciale
potrei dimenticare che
sono ubriaco
e non ho studiato
niente per l’esame

non so bene cosa fai
con il tuo guanto giallo
e nessuno può capire
come parli pure al cinema

dea della monotonia
qui non frega a nessuno
che sei andata al Primavera
per vedere solo i Sigur Ros

e se questa serata
fosse bruciata
forse ti parlerei di me
della mia vita
molto banale
mentre tu parli di Thom Yorke

se questa sera
fosse spaziale
forse potrei sognare che
faccio il ribelle
tra i pan di stelle
dentro al Mulino Bianco
Track Name: Adolescenza tropicale
Quando in autunno correvamo per ore
io provavo a immaginare il colore
della vespa che non ho avuto mai

tu ti vestivi di jeans
bruciavi tutte le cassette di Prince
che ti ascoltavi sullo stereo dei tuoi

e poi spaccavi il secondo
arrivavi tu e si fermava il mondo
nel profumo del tuo balsamo al tè

la prima volta dura solo un istante
e il giorno dopo già mi sento grande

e siamo stati forse amanti
in equilibrio all’equatore
pochi mesi e troppe ore
se penso a te non ho rimpianti

all’improvviso poi distanti
ed ero perso tra i pianeti
in compagnia dei miei segreti
che poi non erano neanche tanti

tornando a casa mi mancavi già molto
ed io provavo a disegnare il tuo volto
sulle barche rotte dei marinai

e mi mettevo di nuovo nei guai
non te l’avrei detto mai
di notte in giro con gli amici miei

ma poi mi hai detto “vado a stare lontano”
ed ero lì sul divano
non capivo che ero già senza te

e c’incontriamo in un bar di Lugano
ed io rivedo anche una parte di me

e anche i tuoi ricordi sono tanti
prova ad essere normale
adolescenza tropicale
ma siamo andati troppo avanti

e io rivedo coi miei affanni
il nostro film sulle pareti
in compagnia dei miei segreti
e del ricordo di quegli anni

in compagnia dei miei segreti
e dei ricordi di quegli anni
in compagnia dei miei segreti
e dei ricordi di quegli anni
in compagnia dei miei segreti
che adesso sono proprio tanti
Track Name: Ho citofonato, ma la tua vicina mi ha detto che non c'eri
(Instrumental)
Track Name: Millennial
Capodanno, ti fai i conti in tasca, gli altri ballano e tu fuori
alla ricerca delle simmetrie dei cuori

Marco se n’è andato su allo IED e pure questa è già finita
ti senti a mollo tra le onde della vita
dovevi fare la PR a Brighton con Susanna
e ti sei fatta licenziare anche dal bangla

a casa ormai ti senti solo di passaggio
e scappi ancora in treno per un altro viaggio
nelle mutande forse anfetamine
prese da un polacco con un occhio blu

con quello della festa in spiaggia sbarchi non so dove a ferragosto
e non ti va poi di tenermelo nascosto
che lui ti porta in Smart a San Qualcosa a far l’amore
è tutto ok se non si affacciano le suore

ed hai capito tutto già da un paio d’anni
due Settebello in borsa per non fare danni
e forse ti sei già di nuovo innamorata
o forse è solamente l’MD

Capodanno, ti fai i conti in tasca, gli altri ballano e tu fuori
alla ricerca delle simmetrie dei cuori
hai fatto sbagli, adesso vuoi solo chi ti capisce
ma poi va bene anche se ti offrono due strisce

e dentro c’hai il diluvio, prova ad asciugarti un po’
e dentro c’hai il diluvio, prova ad asciugarti un po’
e dentro c’hanno tutto, super skunk e Belvedere
le lenticchie, l’indie, il popper e buon anno amore
Track Name: Oki
E questa notte
io faccio a botte
ritorno a casa allegro e con le ossa rotte

e le ferite
con le matite
e cicatrici che non sono mai sparite

mi maledice
con la sua voce
cancello macchie che non vanno in lavatrice

Dio non mi piace
lasciami in pace
sono soltanto un ragazzo un po’ vivace

fulmini sopra di noi
risplende il grigio del cemento
un oki non mi basterà
vado in cerca del divertimento

si alza il sole è giorno ormai
intanto la mia mente vola
ei voltati verso di me
è già tardi per andare a scuola

ho 7 vite
e un cacciavite
per cena mangio solamente margherite

spacco bottiglie
sulle conchiglie
gioco a pallone per spezzare le caviglie

la polizia
scivola via
sarebbe strano se non fosse colpa mia

tu mi hai salvato
forse è scontato
mi piacerebbe poter prendere un gelato

fulmini sopra di noi
danziamo con le luci spente
un oki non mi salverà
se di me non te ne frega niente

suona la tua sveglia ormai
si spezza il gioco del silenzio
se esiste la felicità
non so dirtelo per il momento
Track Name: Mentana
Soli un attimo e ho perso me stesso
travolto dal vento con lucidità

ma una volta è uno sbaglio
due volte una colpa
e un milione che cosa sarà?

c’è chi brucia in silenzio anche tutta la vita
pensando che poi passerà

perchè il tempo è un peccato
e sbiadisce il tuo volto
disperso nell’oscurità

per sempre
per sempre
accanto a te
accanto a te
e non lo vedi che
io non mi sento bene

hanno ucciso ancora MTV
è lunedi
e guardo superquark sopra i tuoi slip

il meteo non sa mai perchè
accanto a te
ho voglia di giocare a perdermi

resta così
la pioggia presto o tardi passerà

ed a volte soltanto Neil Young ti può dare
la semplice felicità

quando il vino è finito
e sei stanca di tutto
e da sola in questa città

e sei poi questa notte perdessi
anche solo un minuto per pensare a me

non sarebbe poi tanto sbagliato
sognare il passato imperfetto con te

per sempre
per sempre
accanto a te
accanto a te
e non lo vedi che
io non mi sento bene

hanno ucciso ancora MTV
è lunedi
ma come uscirò fuori da qui?

Mentana non sa mai perchè
e credo che
se questo grande freddo finirà
la gioia presto o tardi arriverà
Track Name: Lontano da tutto
(Instrumental)
Track Name: Un'altra storia di Truffaut
Tua madre t’ha tirata qua
sai mica l’erba chi ce l’ha?
se vuoi ti do un consiglio
e sogni il cinema d’essai con la tua amica stronza

e neanche troppo tempo fa
pensavo che già a questa età
mio padre aveva un figlio
e una scrivania da boss
e una cravatta viola

hai recitato a scuola roba strana di Gogol
ti giri male un’altra sigaretta e già lo so
che te ne porto un altro e resto lì
i gatti sono bravi a far così

ti vedo e guardo in faccia i miei perché
tu mi chiedi che farò
mentre pensi a un’altra scena di Salò

bevi Biancosarti e penso a te
alla scuola di regia
mamma dice economia
e da quando ti amo un po’ vorrei vederti andare via
e da quando ti amo un po’ vorrei vederti andare via

avresti fatto danza ma ci vuole il fisico
e non hai mai capito la Kamchatka a Risiko

mi guardi e prendi a calci i miei perché
non so bene che farò
forse è solo un’altra storia di Truffaut

bevi Biancosarti e penso a te
a una stupida magia
mamma dice è colpa mia
e da quando ti amo un po’ vorrei vederti andare via
e da quando ti amo un po’ vorrei vederti andare via
e da quando ti amo un po’ vorrei vederti andare via
e da quando ti amo un po’ vorrei vederti andare via
Track Name: Divano letto
Ho sognato di svegliarmi su un prato
ma senza capirne i motivi
accanto a te che dormivi
e non mi avevi lasciato

e se ci penso era tutto perfetto
coi grancereale
sul tuo divano letto

e sono già troppo stanco
e da solo non riesco a sfidare
la mancanza del mare
e un cielo sempre più bianco

in questa stanza che puzza di legna
e il fucsia abbagliante
del neon dell’insegna

me ne andrò
già lo so
e sorriderò
solo un po’
forse no
forse no

ho una voglia infinita
di starti a guardare le dita
ne accendo già un’altra
la spengo a metà

e vorrei raccontarti la storia
di come è finita
per chiederti aiuto
ma poi chi lo sa
se davvero c’è un uomo perfetto
che ha già preso il mio posto
sul tuo divano letto

ho una voglia infinita
di dare una scossa alla vita
il mondo mi doppia
non resterò qua

e vorrei ricordarti la storia
di un sabato in centro
e di come è partita
gridarti negli occhi
ma poi chi lo sa
poi chi lo sa
poi chi lo sa

ho fatto già la valigia
e ho venduto la bici al mercato
mi stendo su un prato
e ancora un poco t’aspetto